Capelli crespi e danneggiati, ecco come curarli

Decolorazioni, piastra, stress, sbalzi climatici, smog, alimentazione: sono tanti i fattori alla base dei capelli crespi e danneggiati. Che si tratti di abitudini sbagliate o fattori esterni, l’importante è prendersi cura della chioma con accorgimenti e prodotti mirati. Come ridonare dunque bellezza e vigore ai nostri capelli? Dai rimedi naturali allo shampoo, ecco alcuni suggerimenti.

Capelli crespi e danneggiati, rimedi a costo (quasi) zero

Non occorre spendere una fortuna per mantenere i capelli in salute. Basta infatti adoperare alcuni accorgimenti per limitare al massimo i danni. Uno semplicissimo consiste nel risciacquarli, dopo shampoo e balsamo, con acqua minerale naturale. L’acqua del rubinetto spesso è ricca di cloro e calcare, che possono opacizzare e inaridire la chioma.

Un’altra piccola accortezza consiste nel fare un impacco – da tenere in posa almeno mezz’ora prima dello shampoo – con olio di cocco, jojoba o mandorla. Ciò permetterà di ridurre l’effetto crespo, che si manifesta proprio sui capelli disidratati quando entrano in contatto con l’acqua presente nell’aria (ovvero l’umidità). L’idratazione è infatti la chiave per disfarsi di questo antiestetico problema.

È inoltre preferibile lavare i capelli con acqua tiepida, poiché elevate temperature tendono a seccare i fusti. Lo stesso discorso vale per l’utilizzo di piastre e arricciacapelli, ma anche per il phon, che dovrebbe essere utilizzato a una certa distanza e non dovrebbe mai essere troppo caldo.

Capelli crespi e danneggiati, quale shampoo utilizzare

Prediligete shampoo dalle formulazioni delicate – a base di oli vegetali e cheratina – e poco schiumogeni, dalla texture ricca e cremosa che equilibri l’idratazione e ristrutturi la chioma, restituendole la sua naturale lucentezza.

Anche il balsamo non dovrebbe mai mancare nella hair routine dei capelli crespi e danneggiati. Questo tipo di trattamento permette di nutrire i fusti capillari e chiudere le cuticole sollevate, così da far apparire i capelli subito più brillanti. L’importante è non esagerare con le quantità: una regola valida anche per lo shampoo.

Capelli crespi e danneggiati, quali alimenti prediligere nella dieta

La salute dei capelli dipende anche dalla nostra dieta. Capelli sfibrati possono essere il sintomo di una carenza alimentare. Assicuratevi che il menu preveda il giusto apporto di proteine, ma anche di vitamine  – in particolare la A, la E e quelle del gruppo B – e sali minerali. Cosa non deve dunque mancare a tavola? Carne, pesce, frutta secca, cereali integrali, cavoli, uova e legumi.